Antinfiammatorio naturale: le caratteristiche della Spirulina

Spirulina proprietà antinfiammatorie

Gli antinfiammatori naturali sono estremamente consigliati poichè presentano pochi effetti collaterali significativi rispetto a quelli chimici. L'azione del fitocomplesso della pianta differisce da quello del singolo principio attivo chimico.
Mentre l'antinfiammatorio di sintesi è più immediato come effetto, presenta però un rilascio di agenti di poche ore.
Le piante, invece, hanno un rilascio più prolungato nel tempo anche se i benefici agiscono più lentamente ma sono più duraturi.

La spirulina contiene degli agenti che svolgono funzioni antinfiammatorie che vanno a placare infiammazioni generali o specifiche di singoli organi o apparati.
Questa microalga contiene una grande quantità di antiossidanti che consentono di apportare funzioni antinfiammatorie nel nostro organismo.
Gli antiossidanti vengono introdotti nel nostro corpo all'interno di una dieta sana ed equilibrata, in particolare parliamo di vitamine A, C, E e sali minerali come rame, zinco e selenio. Oltre alle vitamine esistono anche altri nutrienti come polifenoli, i quali sembrano essere un vero e proprio sostegno per il benessere del nostro corpo. Tra i più conosciuti vi sono i flavonoidi.

All'interno della spirulina troviamo i carotenoidi, dei potenti antiossidanti in grado di interferire con le reazioni chimiche di ossidazione che danno origine a radicali liberi o neutralizzare quelli che sono già prodotti. Molti antiossidanti vengono assunti mediante l'alimentazione per rinforzare il sistema cellulare di detossificazione dai radicali liberi. Sono ad esempio vitamine, polifenoli vegetali ed alcuni microelementi, tutti contenuti all'interno di Spirulina.
 

Proprietà antinfiammatorie: analizziamo i carotenoidi

All'interno di Spirulina possiamo trovare i carotenoidi: si tratta di pigmenti vegetali di natura lipidica che sono in grado di interagire con la luce solare. Grazie alla funzione antiossidante, i carotenoidi possono contrastare l'azione dei radicali liberi come scritto antecedentemente. I radicali liberi sono molecole o atomi particolarmente reattivi che contengono almeno un elettrone spaiato nel suo orbitale più esterno. Essendo molto instabili cercano di tornare all'equilibrio rubando all'atomo più vicino l'elettrone necessario per pareggiare la carica elettromagnetica.

A causa dell'ossidazione, i radicali possono portare a diverse malattie degenerative, malattie infiammatorie e cardiovascolari. La funzione dei carotenoidi è proprio quella di sovrastare questi radicali andandone a inibire i possibili danni apportabili da questi all'organismo umano. I carotenoidi sono differenti tra loro e ognuno svolge funzioni differenti.
 

Alimenti antinfiammatori: i rimedi naturali

Ricorrere a rimedi naturali è sempre stata la soluzione primaria ad un malessere fisico. Gli alimenti esistenti in natura con funzioni antinfiammatorie sono svariati, questo perchè contengono al loro interno dei componenti in grado di ridurre l'infiammazione.
Solitamente l'infiammazione è una reazione naturale dell'organismo che si manifesta a seguito di lesioni o causata anche da aggressioni esterne quali ferita, trauma, ustione o infezione. Se si verifica un'infiammazione si manifesta su tutta la zona vicina. Gli antinfiammatori chimici in commercio agiscono inibendo l'azione delle ciclo-ossigenasi COX-1 e COX-2, che sono due enzimi, andandone a catalizzare la formazione di prostaglandine dell'acido arachidonico. Le prostaglandine svolgono funzioni infiammatorie e spingono le piastrine ad aggregarsi tra loro, provocando febbre alta e infiammando il muco gastrico.
A differenza di sintesi chimiche, gli alimenti antinfiammatori possiedono al loro interno sostanche che vanno a contrastare le azioni infiammatorie, così come alcuni componenti della Spirulina. Carotenoidi e polifenoli sono due sostanze che agiscono nel sistema per alleviare l'azione infiammatoria.

I polifenoli svolgono attività antinfiammatorie ed antitumorali, sono infatti in grado di agire direttamente sul DNA. L'integrità del DNA è importante per prevenire tumori e patologie neurodegenerative. I polifenoli dunque sono in grado di stimolare la riparazione del DNA. Inoltre, sono in grado di proteggere le cellule dallo stress ossidativo e tengono sotto controllo i livelli di colesterolo. Presentano molte capacità antibatteriche e citotossiche.

All'interno della spirulina sono quindi presenti degli elementi come carotenoidi e polifenoli che naturalmente riducono l'infiammazione. Le alghe inoltre contengono dei costituenti antiossidanti in grado di sostenere il nostro organismo.
 

Proprietà anticancerogene dei componenti della Spirulina

Un recente studio scientifico ha dimostrato che alcuni componenti della Spirulina hanno proprietà anticancerogene. Più specificatamente l'estratto acquoso ottenuto sonicando a caldo Spirulina (Arthrospira) maxima, inibisce in modo selettivo la crescita di linee cellulari tumorali umane. Mostrano quindi una potenziale attività anti-tumorale contro cellule tumorali dello stomaco, del fegato (Hep3B), dei polmoni e del seno (A549).
Il meccanismo d'azione di questo estratto è stato attribuito alla capacità di sopprimere l'azione di Bcl-2. Le molecole responsabili di questo effetto sembrano essere i polisaccaridi che sono estratti senza essere degradati con il particolare metodo di estrazione sopraindicato.