Alga Spirulina e Chlorella: i due super food di cui non potrai più fare a meno

Alga Spirulina e Chlorella: i due super food di cui non potrai più fare a meno

Spirulina e Chlorella sono i due super food del momento: è impossibile non averne mai sentito parlare nemmeno una volta. Si tratta di due alghe dal caratteristico colore blu-verde, estremamente benefiche per il corpo. Ma vediamo insieme di che si tratta!

Spirulina e chlorella sono ricche di clorofilla, sostanza altamente detossinante per l’organismo, poiché depura il corpo dall’accumulo di tossine e metalli pesanti, favorendone l’eliminazione. Queste due alghe possono dunque diventare l’alleato di ognuno di noi, motivo per cui è consigliabile integrare la propria dieta con almeno uno di questi due elementi.
 
Spirulina e chlorella, infatti, sono un ottimo sussidio per incrementare l’energia e il benessere del corpo, essendo un vero e proprio concentrato di micronutrienti come vitamine, tra cui la vitamina A, importante per la vista e il rinnovamento dei tessuti, e le vitamine del gruppo B, essenziali per la formazioni di globuli rossi e per il metabolismo dei carboidrati, minerali, antiossidanti e proteine, oltre a possedere tutti gli amminoacidi essenziali, ovvero quelle  sostanze che il corpo non è in grado di sintetizzare.

Inoltre, spirulina e chlorella sono ricche di calcio e magnesio, essenziali soprattutto per i muscoli, considerato che un’eventuale carenza comporterebbe crampi, lesioni muscolari e affaticamento. Altra importante caratteristica delle alghe spirulina e chlorella è che permettono una migliore ossigenazione del corpo, essendo ricchissime di ferro, costituente essenziale dell’emoglobina che è appunto una proteina che trasporta l’ossigeno ai tessuti del corpo.

Si tratta di una caratteristica importantissima, a favore soprattutto di chi fa sport poiché, durante l’esercizio fisico, i muscoli tendono a consumare molto ossigeno, fattore che porta alla formazione dei radicali liberi, che è possibile contrastare solo tramite il consumo massiccio di antiossidanti, di cui sono ricche le alghe spirulina e chlorella, perfette alleate per contrastare l’ossidazione cellulare. Ma vediamo insieme, nello specifico, le particolarità di queste due alghe!
 

Alga spirulina, proprietà e benefici del super food per eccellenza

La Spirulina è un’alga proveniente dai mari sub-tropicali ed è caratterizzata dal tipico colore verde-azzurro. Il suo uso nell’alimentazione, pur avendo avuto un vero e proprio boom negli ultimi anni, non è una novità: viene infatti consumata da secoli dalle popolazioni locali e i suoi benefici sono decantati addirittura dai tempi degli aztechi, i quali ne facevano un ampio uso. 

La spirulina, infatti, è un vero toccasana per la vista, il sistema nervoso, le ossa e il sistema cardiaco e immunitario. Un uso costante può aiutare a combattere l’osteoporosi, la celiachia e il morbo di Chron.  Per finire, grazie alla presenza di fenilalanina, riduce il senso di fame.  È ricca di biliproteine, ovvero di proteine vegetali predigerite dalla pianta, cosa che permette una migliore assimilazione da parte dell’organismo.

Da non sottovalutare è l’ingente quantità di vitamine, tra cui quelle dei gruppi A e B, il betacarotene, e le vitamine D, K ed E, oltre agli acidi grassi essenziali ed gli oligoelementi
 

Alga chlorella: proprietà dell’alga verde

L’alga chlorella vanta moltissime proprietà, proprio come la spirulina: si tratta di un'alga verde tipica delle acque dell’Africa equatoriale, ricca di sali minerali. Anche quest’alga contiene moltissimi nutrienti e un forte potere antiossidante, motivo per cui viene utilizzata come integratore alimentare, utile soprattutto nella prevenzione del diabete, nel trattamento dei reumatismi e di perdita dei capelli, dermatiti e psoriasi, oltre ad avere un buon potere antibatterico e purificante.

Come la spirulina, anche l’alga chlorella ha un alto contenuto di clorofilla, se non lievemente maggiore, fattore che giustifica l’alto potere detossinante di questa alga. Inoltre, l’alga chlorella è ricca di vitamine e sali minerali tra cui ferro, calcio e fosforo, importanti per il processo di recupero energetico, oltre ad essere anche in grado di incentivare la resistenza fisica, anche in caso di sollecitazioni straordinarie.
 

Clorella e spirulina: quale scegliere e come assumerle?

La scelta tra clorella e spirulina potrebbe inizialmente depistare, ma la realtà è molto semplice: l’ideale, infatti, sarebbe assumere entrambe le super alghe, alternando i cicli, dopo aver chiesto un’opinione al proprio medico. I momenti migliori per iniziare i cicli detox sono i cambi di stagione, ovvero primavera e autunno. È anche vero che i benefici di queste alghe sono così eccezionali che è consigliato di seguire un trattamento annuale con una delle due.

La spirulina è sicuramente la scelta più gettonata e consigliata poiché la clorella, a causa dell’alta quantità di clorofilla, ha un sapore estremamente forte e poco piacevole, impossibile da nascondere. Inoltre, la spirulina la si può trovare in molti formati. Su Alghitaly, ad esempio, è disponibile in scaglie, in polvere e in compresse, sicuramente le più semplici da assumere.

In generale, spirulina e chlorella funzionano al meglio in piccole dosi assunte durante la giornata nei frullati con sapori forti a base di cacao o estratto di frutta, in modo da coprirne il sapore, o in bevande ghiacciate, per far sì che le papille gustative si desensibilizzino. Inoltre, è bene fare in modo che l’alga non resti troppo a contatto con la bevanda o la pietanza, per fare in modo che il composto non riposi e si amplifichi il sapore. 
 

Curiosità: si dice clorella o chlorella?

Clorella o chlorella? Sul web, lo si trova ormai scritto in entrambi i modi, cosa che genera molta confusione tra tutti coloro che si approcciano al tema per la prima volta. A questo punto, non ci resta che chiarire l’ultimo dubbio: come si scrive il nome della super-alga verde? Ebbene, in realtà entrambi i modi sono corretti. Chlorella è più che altro il nome scientifico di derivazione latina, da “chloro” con il suffisso -ella. Clorella è dunque la naturale evoluzione della lingua, in cui viene persa l’”h”. Dunque, entrambe le varianti sono accettabili.