Colesterolo cattivo? Si può contrastare con la microalga Spirulina

Colesterolo cattivo? Si può contrastare con la microalga Spirulina

Colesterolo cattivo, un problema che affligge moltissime persone. Questo costituente può ostruire le arterie in modo pericoloso e portare a problemi cardiaci anche molto gravi. Purtroppo l'alimentazione moderna è molto ricca di grassi e zuccheri, è spesso vincolata alla fretta, al consumo di pasti veloci non proprio sani; tutto ciò favorisce l'aumento dei valori di colesterolo cattivo nel sangue che, se non vengono riportati nella norma, proseguendo con le cattive abitudini, con l'avanzare dell'età potrebbero portare all'insorgere di alcune patologie anche molto gravi.

Il colesterolo è un costituente delle membrane cellulari e nell'essere umano può formare diverse tipologie di particelle unendosi con delle proteine, in particolare le lipoproteine ad alta densità, note come HDL, le lipoproteine a bassa densità, le LDL, e infine quelle a minima densità, le VLDL. I tipi LDL e VLDL sono aterogeni, ovvero sono quelli che innalzano la colesterolemia e possono causare l'arteriosclerosi, mentre il colesterolo di tipo HDL è il tipo considerato buono, cioè contrasta lo sviluppo dell'arteriosclerosi.

Dunque, livelli alti di colesterolo LDL e VLDL potrebbero portare problemi cardiaci, mentre alti livelli di HDL, in connubio con bassi livelli di trigliceridi, noti come TG, contrastano tale rischio.
 

Colesterolo cattivo: quali sono gli alimenti che possono causarne l'aumento?

Il colesterolo è uno steroide presente nelle cellule di tutti gli abitanti del regno animale, cosa che, di fatto, semplifica l'identificazione tra i cibi che lo contengono e quelli che ne sono privi. Sono cinque i gruppi alimentari in cui si trova: carne, pesce, uova, latte e derivati ed infine i grassi da condimento di origine animale, come burro o strutto. Questo significa che conterranno colesterolo anche i cibi di altri gruppi preparati con questi ingredienti, quali pasticceria fresca, prodotti da forno e pasta all'uovo.

Il colesterolo alimentare rappresenta circa il 30% di quello circolante che, una volta associato a quello di acidi grassi saturi e idrogenati in forma trans, porta all'ipercolesterolemia, dovuta ad un valore elevato di LDL o VLDL, a scapito del quantitativo di HDL, che invece aiuta a mantenere i valori adeguati. Tutto ciò aumenta il rischio dell'insorgere di patologie cardiovascolari, patologie fortemente invalidanti come ischemia cardiaca o celebrale, oltre allo sviluppo dell'arteriosclerosi.

Gli alimenti con più elevato contenuto di colesterolo sono alcune frattaglie come cervello, cuore, fegato e rene, a seguire le uova, i condimenti come burro e lardo (grassi da condimento), alcuni crostacei come gamberi e granchi, e dei molluschi come ostriche e cozze. Infine, tutti i prodotti caseari stagionati e le carni grasse, oltre a quella dei volatili con pelle.

Bisogna però distinguere per quantità di consumo, quale potrebbe essere quello del Parmigiano Reggiano, che si mangia con frequenza ma in ridotta quantità. Per consumi di questo tipo non c'è rischio di ipercolesterolemia. Rappresentano invece un rischio, in quanto usati molto spesso, i condimenti grassi, le uova e altri formaggi o carni consumate come pietanza.

Tra i cibi che aiutano ad equilibrare gli eccessi, ci sono i legumi, gli ortaggi, la frutta e l'olio di soia, che apportano fitosteroli, fibre e lecitina, utili a diluire il colesterolo portandolo verso l'intestino, impedendone l'assorbimento. Il problema principale però deriva dal fatto che l'alimentazione moderna è spesso disordinata, frettolosa, scandita da una sedentarietà che frena i processi di smaltimento delle scorie, a scapito della salute.

Ecco che, se non è sempre possibile alimentarsi in modo sano, la microalga Spirulina viene in nostro soccorso con le sue notevoli proprietà, con una sola piccola assunzione quotidiana.
 

La microalga Spirulina combatte il colesterolo cattivo

È noto, grazie a comprovati studi, come la microalga Spirulina sia efficace nel diminuire i livelli di colesterolo LDL e VLDL, allo stesso tempo favorendo l'aumento del colesterolo di tipo HDL, tenendo inoltre sotto controllo il livello dei trigliceridi. In questo modo, l'indice aterogenico si abbassa, riducendo anche il rischio di malattie cardiache e dello sviluppo dell'arteriosclerosi.

La microalga Spirulina infatti, tra i numerosi nutrienti che apporta, contiene in particolare gli acidi grassi Omega 3 e Omega 6 che procurano notevoli benefici all'apparato cardiovascolare, tra cui quello di ridurre i livelli di LDL e VLDL, quelli del colesterolo cattivo.

La microalga Spirulina è in grado di produrre numerosi composti bioattivi come polisaccaridi, amido, proteine, acidi grassi, carotenoidi, antiossidanti, enzimi, polimeri, peptidi e steroli, oltre a possedere tutti e 21 gli amminoacidi presenti in natura; la Spirulina è una fonte preziosa di proteine nobili vegetali.

Grazie alle sue notevoli proprietà, la Spirulina è particolarmente adatta a chi svolge una vita prevalentemente sedentaria, particolarmente soggetta ad alti livelli di colesterolo cattivo; l'azione benefica della microalga aiuta a contrastare gli effetti negativi di una vita poco attiva, spesso incrementati da una alimentazione non proprio sana.

La Sprulina è insomma un piccolo ma grande aiuto quotidiano per il benessere del nostro cuore e delle nostre arterie!